ITALIA

L’Italia è la capofila della candidatura al Registro delle Buone Pratiche UNESCO di Tocatì programma condiviso per la salvaguardia dei Giochi e Sport Tradizionali.

Associazione Giochi Antichi (AGA) sostiene le comunità di gioco e sport tradizionale e i suoi giocatori e giocatrici ben oltre i giorni del festival proponendosi come programma permanente di attività per la salvaguardia dei giochi e sport tradizionali, in collaborazione con il Servizio II – Ufficio UNESCO del Segretariato Generale del MiC per l’Italia, e le Istituzioni del partenariato internazionale, che comprende Belgio – Department Culture, Youth and MediaFrancia – Ministère de la Culture – Direction généraleCroazia – Ministry of Culture of the Republic of Croatia e Cipro – Ministry of Education, Culture, Sport and Youth.

Il festival Tocatì è l’azione principale di questo programma: giunto alla sua XX edizione l’evento è divenuto oramai un punto di riferimento a livello internazionale per istituzioni, ONG e comunità di gioco e sport tradizionale.

BELGIO

In Belgio, il programma Tocatì coinvolge più attori attraverso il programma di ludodiversità avviato da Sportimonium nelle Fiandre. L’iniziativa include un centro di ricerca, un museo dello sport e un parco a tema. Nell’ambito del “programma di coltivazione della ludodiversità” (cultivating ludodiversity), lo Sportimonium collabora con la Federazione fiamminga dei giochi tradizionali (Vlaamse Traditionele Sporten – VlaS), che fa da ombrello federando 22 comunità sportive tradizionali nella regione delle Fiandre. Il contributo belga si basa sul sostegno maturato dall’esperienza nella salvaguardia dei giochi tradizionali degli ultimi decenni, rappresentata da Sportimonium e avallata dal governo fiammingo. Sportimonium e altre ONG fiamminghe accreditate ICH hanno deciso di partecipare al lavoro sulla condivisione di buone pratiche ed esperienze di salvaguardia nei processi di networking internazionale, così come al lavoro da realizzare per l’inclusione nel registro dell’UNESCO dedicato a questo obiettivo. L’odierno processo di coordinamento nel Programma Tocatì si basa su fasi preliminari di scambio e cooperazione nei decenni precedenti. Infatti, AGA e Sportimonium collaborano dal 2007: Sportimonium partecipa agli eventi di Tocatì, mentre AGA partecipa agli incontri formali allo Sportimonium in Belgio. La Federazione fiamminga dei giochi tradizionali – VlaS è stata coinvolta insieme a Faro, l’interfaccia fiamminga per i beni culturali, e Tapis Plein (ora Werkplaats immaterieel erfgoed) nella progettazione e realizzazione del programma Tocatì e del Protocollo di Verona.

 

Negli anni c’è stata una proficua collaborazione e scambio con Tocatì. Il programma Tocatì, con l’approccio basato sulla comunità, il metodo inclusivo e connettivo in uno spirito di cooperazione, si inserisce perfettamente nella politica e nella filosofia di Sportimonium. Ecco perché Sportimonium sostiene pienamente il file di nomina e continuerà a farlo”.

 

Comunità ludiche tradizionali del Belgio
VlaS – Vlaamse Traditionele Sporten
web. www.vlas.be
Sportimonium
web. www.sportimonium.be

CIPRO

L’Associazione Folklore di KTIMA di Cipro, sostiene fortemente il lavoro e gli sforzi attivati dall’Associazione Giochi Antichi (AGA) per inserire TOCATÌ nel Registro delle “Buone pratiche di salvaguardia del patrimonio culturale immateriale” dell’UNESCO. Dal 2018 ci è stata data la possibilità di partecipare e contribuire al festival TOCATÌ. Il fatto di essere stati attivi nella promozione degli Sport e dei Giochi Tradizionali, ci ha dato il vantaggio dell’inclusione nella Rete di Verona. Crediamo che la Rete di Verona sia una preziosa rete di associati e crei una forte relazione tra associazioni e individui impegnati a promuovere la tradizione puntando a sostenere Sport e Giochi Tradizionali attraverso il programma e il festival TOCATÌ.

Le attività svolte durante TOCATÌ sono tutte importanti ed è necessario per tutti coloro che vi partecipano assicurarne la continuità in futuro. La 19° edizione di TOCATÌ è stata molto importante per noi, essendo stati uno degli ospiti come paese d’onore. Abbiamo partecipato alle seguenti attività:

  • Gruppo musicale KTIMA, nella cerimonia di apertura a Castlevecchio, dove è stata aperta la manifestazione.
  • La nostra squadra di giocatori ha preso parte al torneo di Lippa e allo stesso tempo ha dato una dimostrazione di “Ligrin” al pubblico incoraggiando tutti a giocare. Il Ligrin è un gioco tradizionale di Cipro, che ha molti punti in comune con il Lippa ed è iscritto nella Lista Nazionale del Patrimonio Culturale Immateriale dell’UNESCO, dal 2017 dall’Associazione Folklore di KTIMA.
  • C’è stata data la possibilità di fornire il nostro contributo durante la conferenza dell’UNESCO condividendo le nostre esperienze durante la pandemia e sulle modalità con le quali sono state orientate le attività relative al patrimonio immateriale in queste circostanze particolari.
  • I membri del nostro gruppo a Cipro, in associazione con il Paphos Nautical Club, sono stati collegati in streaming con il team di comunicazione di AGA e hanno mostrato la navigazione nel mare della nostra città natale, Paphos.

Negli anni 2018 e 2019, l’Associazione Folklore di Ktima è stata invitata a partecipare al Festival Tocatì a Verona, in Italia. Lì abbiamo partecipato e presentato la nostra ricerca sui tradizionali Giochi di Pasqua di Cipro. Inoltre abbiamo partecipato come squadra alla gara a gironi del popolare gioco italiano chiamato “Lippa”. Abbiamo anche piacevolmente riscontrato che il gioco “tnit gris” italiano è molto simile a un gioco tradizionale cipriota “Ligrin”. Il Festival di Tocatì è stato organizzato in modo eccellente in entrambi questi anni e la partecipazione del pubblico è stata notevole. Ktima ha firmato il protocollo di Verona nel 2019, partecipando dal 2018 ai simposi internazionali “Tocatì un patrimonio condiviso”.

 

Comunità ludiche tradizionali di Cipro
Association Laografikos Omilos Ktima (Folklore Association Ktima)
web. www.laografikosomilosktima.com

CROAZIA

L’Associazione Istriana Pljočke – IPS, è stata fondata nel 2011 e sin dall’inizio ha lavorato alla salvaguardia, alla trasmissione, alla documentazione e alla promozione del gioco tradizionale del pljočke. L’IPS è il promotore dell’iniziativa per il riconoscimento del gioco come patrimonio culturale immateriale e, secondo la decisione del Ministero della Cultura e dei Media della Repubblica di Croazia, suo responsabile. 

 

Condividiamo l’idea di promuovere il Tocatì come laboratorio di forme creative, soprattutto di sinergia e dialogo tra cittadini e come strumento di inclusione sociale e diversità culturale”.

 

Comunità ludiche tradizionali della Croazia
Pk Lanterna
Pk Sveti Petar
Špk Murine
Spk Sutivanac
Pk Žminj
web. www.ips-pljockanje.hr

FRANCIA

FALSAB

La Confederazione FALSAB (Confederazione dei giochi e sport tradizionali della Bretagna) è stata creata nel marzo 1930 allo scopo di promuovere i giochi bretoni (bocce, shuffleboard, birilli e giochi di potenza) a livello regionale, nazionale e internazionale. Sostiene i membri della sua rete nello sviluppo delle varie discipline. Ad oggi, in Bretagna sono state identificate 95 pratiche. Per svolgere la sua missione di promozione, la Confederazione elabora progetti educativi, turistici e sportivi. È anche una casa editrice e può quindi pubblicare opere in questo campo.

 

La Confederazione è membro di diverse reti internazionali (AEJST, TAFISA) e reti regionali nel campo dello sport, della cultura, del patrimonio immateriale (CROS Bretagne, Cultural Council of Brittany, Bretagne Culture Diversité, ecc.). La Confederazione partecipa a incontri e scambi con altri giocatori in Francia e in Europa.

 

La confederazione si è recata a Verona a settembre nel 2019 per partecipare al Tocatì, dove il Paese Ospite era la Bretagna. Questa partecipazione ha permesso di scoprire la diversità dei giochi italiani e di far conoscere agli italiani, tra le altre cose, la diversità bretone. È stato un bellissimo momento di scambio. Nel mondo dei giochi la barriera linguistica non è un problema, bastano i gesti. Ed è per questo che l’apprendimento è del tutto rapido“.

 

Comunità ludiche tradizionali della Francia
Confédération des jeux et sports traditionnels de Bretagne (FALSAB)
web. www.falsab.bzh
Fédération de Gouren – Bodadeg ar Gouren
web. www.gouren.bzh
Fédération des jeux et sports traditionnels basques d’Iparralde / Iparraldeko Joko Eta Heri Kirol Federakuntza
Fédération départementale des Foyers ruraux du Gers
web. www.foyersruraux-gers.org

FEDERAZIONE DEGLI SPORT TRADIZIONALI BASCHI E GIOCHI DI IPARRALDE

I giochi e gli sport tradizionali baschi sono pratiche profondamente radicate nelle nostre tradizioni. Le prime tracce scritte risalgono al XV secolo. I nostri giochi sono strettamente legati al mondo rurale e ai mestieri antichi, alla muratura, al disboscamento, al trasporto di materiali, ai lavori minerari, ecc. Questi giochi sono comuni a tutti i baschi residenti in Francia, Spagna e nella diaspora, disciplinati da un unico regolamento. Sono soggetti a campionati provinciali e, a un livello superiore, al Campionato dei Paesi Baschi composto da tutti i suoi territori storici.

 

Da più di un decennio questi giochi, spesso esclusivamente maschili, sono stati aperti alle scuole, per ragazze e ragazzi e quindi oggi ci sono campionati femminili. Bidasoako Txaranga è stato creato nel 1980, composto sin dall’inizio da membri provenienti da tutto il bacino del Bidasoa, qualunque sia la loro nazionalità o origine. Riuniscono membri volontari per rafforzare la cultura in generale, quella che ci è più vicina, per vivere insieme le nostre differenze linguistiche e culturali, nel quadro e nello spirito del diritto di associazione.

 

Musica, canti, balli, campanari (i Joaldunak), giochi e sport tradizionali sono da 42 anni la nostra realtà e il nostro DNA. I Joaldunak “quelli che hanno le campane“, sono personaggi mitici del carnevale basco, la loro origine risale al periodo pagano. Vestiti con una gonna corta e un cappello a punta decorato con numerosi nastri, portano due enormi campanelli attaccati alla parte bassa della schiena. Li suonano ritmicamente, mantenendo un passo generale uniforme, mentre scuotono una frusta di crine. Oggi i joaldunak sono una delle ultime vestigia esistenti di riti pagani. Si possono trovare somiglianze in molte parti d’Europa e del mondo.

 

L’incontro con AGA e il festival TOCATÌ è stata l’occasione per mostrare, in questo festival impareggiabile, le ricchezze del nostro patrimonio culturale, ma anche per condividere quelle dei nostri partner. Una bellissima avventura che vogliamo continuare insieme.

 

Tocatì è la nostra casa comune, luogo di risorse e di ispirazione, a cui apparteniamo, una vera “comunità di comunità”. Sono tutte ragioni che motivano la nostra partecipazione ad una candidatura multinazionale, il quadro ideale per affermare, in futuro, il sostegno (istituzionale) a progetti di salvaguardia comuni, che rafforzino il nostro approccio verso questa necessaria salvaguardia delle nostre diversità culturali”.

LA FEDERAZIONE DIPARTIMENTALE DEI CIRCOLI RURALI DEL GERS E IL COMITATO DELLE “QUILLES” A MAILLET

A lungo praticato nelle campagne del Gers e delle Landes, questo gioco fu bandito con decisione della prefettura nel 1956. Di fronte all’importanza della posta in gioco e ai conseguenti fallimenti, il Prefetto dovette adottare misure drastiche. È stato quindi necessario ottenere un’autorizzazione eccezionale per far rinascere questo gioco nel 1972. Da allora, le “quilles au maillet” hanno conosciuto una crescita eccezionale nel Gers e nelle Landes e la sua pratica si estende ora all’Alta Garonna e all’Aveyron. Nel 1992 la sezione di “quilles au maillet” si è unita all’attuale Federazione francese di bowling e bowling sportivo e diventando l’ottava disciplina tradizionale con 6, 8 e 9 “quilles”.

 

Nei nostri villaggi, praticare le Quilles à Mallet è più che praticare sport. È collocarsi nella continuità dei nostri antenati o collocarsi nella cornice culturale del Paese della regione dell’entità che ci accoglie, è fattore di integrazione, fattore umano, di emancipazione e di socialità”.